Tel. +39 06 85563657 / Email: info@progettoforma.eu

FONDO ASILO, MIGRAZIONE E INTEGRAZIONE (FAMI) 2014-2020
PROGETTO FORM@ - PROG-1563 • Obiettivo specifico: 2.Integrazione / Migrazione Legale • Obiettivo Nazionale: 1.Migrazione Legale
Tel. +39 06 85563657 / Email: info@progettoforma.eu

Progetto Form@ (PROG-1563) senza loghi alti – immagine centrale piccola

Il progetto FORM@ si pone l’obiettivo di qualificare e facilitare i percorsi di ricongiungimento familiare attraverso la formazione pre-partenza. Form@ mette a disposizione dei beneficiari un sistema di servizi integrati…

Continua


Storie di ricongiungimento familiare: Hana dalla Tunisia

Hana toglie la mascherina chirurgica e i guanti. Stringe la mano al medico, che la ringrazia. Si trova bene nel suo nuovo posto di lavoro: una clinica italiana, nella quale è stata assunta grazie all’esperienza e alle capacità sviluppate nel suo paese d’origine, e all’interessamento di suo marito, che si trova in Italia da più anni di lei.

Hana ha 35 anni e viene dalla Tunisia. “Nel mio paese ho studiato da infermiera, e successivamente ho lavorato a lungo in un ospedale pubblico. Un buon posto, ben pagato e apprezzato dalla gente.”


Storie di ricongiungimento familiare: La storia di Xu Yuqin e di sua figlia

 

Si tramanda di generazione in generazione che in Cina, nella vasta provincia dello Zhejiang, in un passato assai remoto vivesse una meravigliosa dea guerriera, discendente da un’antica e nobile stirpe. La leggenda vuole che la dea, con un secco colpo di spada, riuscì nell’impresa di liberare i poveri contadini da un demone con le sembianze di topo che minacciava i loro raccolti. Così, si crede che in quelle zone le donne, su esempio della loro leggendaria antenata, abbiano imparato a essere forti tanto nel fisico quanto nello spirito. Ed è proprio dalla provincia di Zhejiang, più precisamente dalla città di Wenzhou, che proviene una donna altrettanto forte e intraprendente: Xu Yuqin. Questi vive a Chieri, in provincia di Torino, ha quarantuno anni e un bel paio di occhi a mandorla, che si riempiono di luce e gioia quando parla di sua figlia, che di anni ne ha quindici ed è rimasta a vivere coi nonni, in Cina.


Storie di ricongiungimento famigliare: Nadejda C. dalla Repubblica Moldova

Questa è una storia di ricongiungimento familiare forse un po’ insolita. I protagonisti sono una pensionata moldava, Nadejda C., madre di sei figli. Di nessuno dei suoi figli, però, può godere la vicinanza. “Non ho avuto molte possibilità di aiutarli dal punto di vista economico, mi sono trovata ben presto da sola a dover badare a tutta la famiglia, fra mille difficoltà e incertezze sul futuro. Cosi tutti i miei figli, una volta diventati grandi, si sono trovati costretti ad emigrare all’estero, chi in Italia chi in Germania, alla ricerca di un futuro migliore” – ci racconta con dignitoso e appena accennato trasporto la donna.


Storie di ricongiungimento familiare: LA STORIA DI MAME DIARRA DA DAKAR

Il Senegal è uno dei territori più affascinanti del Continente nero. La sua capitale, Dakar, conta più di 2 milioni e mezzo di abitanti e a un primo sguardo appare caotica e disordinata, anche se quella confusione altro non è che vivacità, incessante attività nelle strade e nei mercati. Lo sa bene Mame Diarra, che ha 38 anni e vive nella periferia di Dakar dal 2001, dopo essersi trasferita da Kaolack, una città della regione del Saloum, distante 170 km a sud dalla capitale senegalese.

Mame Diarra non è sola, ha sua figlia ma avverte una mancanza incolmabile: «Mio marito Oumar vive e lavora in Italia, a Lecco. Fa il magazziniere, lo sento sempre molto stanco perché lavora molto, anche di notte». Oumar ha inoltrato domanda di ricongiungimento familiare presso gli uffici del Patronato di Lecco ed è stato subito coinvolto all’interno del Progetto Form@. 

 

 


Tre giorni di incontri istituzionali in Cina nell’ambito del Progetto Form@

Tre giorni d’incontri e una calda accoglienza da parte delle autorità territoriali cinesi per le iniziative legate al Progetto Form@: questo il quadro di quanto avvenuto nei primi giorni di marzo nell’ambito di un incontro istituzionale organizzato dal Centro pre-partenza per l’Italia curato dall’Angi di Torino, nella persona della sua responsabile, Wang Hongxia, presso la sede dell’Associazione Migranti Cinesi Rimpatriati e Familiari di Wenzhou, Wencheng e Lishui.

Come si ricorderà, il Progetto Form@ si è insediato da tempo in Cina e oggi vanta una rete ben strutturata e radicata che coinvolge l’intero territorio di Wenzhou.

Wenzhou, in qualità di zona di provenienza della maggior parte dei migranti cinesi in Italia, è la sede privilegiata delle attività. Il distretto di Wencheng, da par sua, è considerato il “Paese degli Emigrati”, contando ben 168.600 espatriati in 70 paesi del mondo (150mila dei quali, cifra corrispondente al 90% del totale, si trovano in Italia).

 


Storie di ricongiungimento familiare: Iurie, 44 anni, Repubblica Moldavia

La storia di Iurie, come tantissime altre storie di famiglie moldave, ci racconta il desiderio di normalità e di ristabilire equilibri affettivi spezzati troppo presto, per via della necessità di dover emigrare. Iurie ha 44 anni ed è oggi alle prese con le procedure di ricongiungimento familiare richiesto in Italia da sua moglie, la quale dal 2010 lavora in Italia, a Murano, in provincia di Venezia. Insieme hanno due figlie, di 18 e 20 anni che vivono con il padre in Moldavia.

La voglia di ricomporre il proprio nucleo familiare esiste però da sempre. Per capire come muoversi per affrontare le varie peripezie burocratiche previste, Iurie, munito di passaporto moldavo, si è recato poco tempo fa in Italia per far visita alla moglie e per raccogliere il maggior numero di informazioni utili sul percorso giusto da seguire. Qui ha preso conoscenza di alcuni importanti dati: che per ottenere il visto per il ricongiungimento familiare doveva passare per l’Ambasciata Italiana, aperta agli inizi del 2009 a Chisinau, la capitale della Repubblica Moldova, ma soprattutto che, sempre a Chisinau, erano iniziate le attività previste dal Progetto FORM@, che si pone l’obiettivo di facilitare il percorso di integrazione all’interno del tessuto sociale e culturale italiano dei destinatari della procedura di ricongiungimento familiare.     


Storie di ricongiungimento familiare: MAYORO TIDIANE E YOUSSOUPHA DAL SENEGAL

«Mi chiamo Mayoro Tidiane, ho sedici anni e amo il basket. A mio fratello Youssoupha, che ha quattro anni meno di me, piace tanto andare in bicicletta ed è davvero contento da quando ha saputo che in Italia esistono piste ciclabili e grandi parchi per fare lunghe passeggiate su due ruote. Nostro padre ci dice sempre che è un bel paese».

Mayoro Tidiane e Youssoupha sono figli di Cheikh, che abita a Lecco e lì coltiva un piccolo grande sogno: riabbracciare i suoi bambini grazie al progetto Form@. Quei ragazzi nati a Dakar e cresciuti a Yoff, quartiere e villaggio di pescatori sorto sulla sabbia ai margini nord della capitale senegalese. È quello il regno dei pescatori tradizionali Lebu, obbligati a tirare i remi in barca da quando sono arrivati i grandi pescherecci cinesi ed europei.

«Yoff era un bel posto, vivace. Ci conoscevamo tutti e le porte di ogni casa erano sempre aperte. E poi c’erano il mare, la spiaggia e gli amici con cui andavamo a spasso e giocavamo ai videogames», raccontano Mayoro Tidiane e Youssoupha. Anche loro, ormai da un anno, hanno dovuto tirare i remi in barca trasferendosi a Thies, città a settanta chilometri a est di Dakar, dove oggi studiano. A Thies non c’è la stessa sabbia di Yoff, non c’è il sorriso dei pescatori, l’aria profuma sempre di industria e miniere ma mai di salsedine.

I due fratelli esprimono un desiderio: «In Italia speriamo di trovare una buona scuola e tanti nuovi amici. Ci hanno insegnato che i bambini italiani vanno tutti a scuola. In Senegal purtroppo non è così. Abbiamo anche imparato che gli ospedali italiani ti curano sempre, anche se non hai i mezzi per pagare. Questo è davvero bello».

Altrettanto bello è il sogno di ricongiungimento che lega Mayoro Tidiane e Youssoupha a Cheikh. Un sogno che i ragazzi inseguono studiando l’italiano, anche grazie ad un’applicazione linguistica, perché disposti ad ogni sforzo pur di integrarsi.

E se la spiaggia di Yoff è un enorme tappeto di sabbia che – si narra – un tempo arrivasse fino in Mauritania, i due fratelli sognano una distesa che li conduca fino in Italia, fino alle braccia del loro adorato papà.


Il Progetto FORM@ alla annuale Festa religiosa Senegalese di Treviso

Il Progetto FORM@ è stato portato in evidenza anche alla annuale Festa religiosa Senegalese di Treviso oramai alla sua 23esima edizione. Momento di grande partecipazione per i senegalesi in Italia che qui si riuniscono in preghiera nel capiente palazzetto dello sport di Conegliano coniugando al momento di fede le occasioni di incontro e socializzazione.


Storie di ricongiungimento familiare: Boubacar Sakho da Dakar (Senegal)

“Sono tifoso del Real Madrid e del Paris Saint Germain, ma mi piacciono molto anche la Juventus e il Milan. Amo giocare a calcio, iniziai da piccolo con mio padre”.

Boubacar Sakho ha 17 anni e viene da Dakar, in Senegal, terra il cui simbolo è il baobab, albero secolare considerato custode della vita. Il Senegal è bello e povero, terra di pace e di dolore. Boubacar lo sa bene, come lo sapeva bene suo padre, fuggito dall’ombra del baobab per venire a lavorare in Italia. Boubacar dice di non conoscere quale sia esattamente l’attuale lavoro del genitore, ma dice di volerlo riabbracciare e per questo il padre ha fatto domanda di ricongiungimento familiare ed ha incontrato il progetto Form@.


Storie di ricongiungimento familiare – Asmae da Padova

“La mia domanda di ricongiungimento familiare non ha avuto vita facile” – ci confida Asmae – “subito dopo il parto la mia azienda è fallita e mi sono trovata senza lavoro e con ben pochi risparmi su cui far affidamento, di conseguenza la Prefettura ha bloccato la mia domanda per via delle problematiche relative alla mancanza di reddito. Fortunatamente mi sono presto imbattuta nel patronato che mi ha letteralmente salvato da una condizione che si era fatta estremamente frustrante e angosciante. Grazie al loro prezioso e insperato supporto, sono riuscita a rimettere sui giusti binari la mia domanda di ricongiungimento familiare. Ora sento che il peggio è passato e coltivo tanta fiducia e ottimismo nell’esito di questa vicenda. Aver scoperto il progetto Form@ è stato per me sinonimo di rinascita, e tutto è diventato più facile e veloce.”


Storie di ricongiungimento familiare: Mokhtar da Venezia 

Ora Moktar vive e lavora a Venezia e fa affidamento sul Progetto Form@ nella speranza di potersi ricongiungere con la sua giovane moglie, Sabah, che ha 19 anni e vive in Marocco, nel piccolo paese in cui è nata e cresciuta. Si sono sposati appena un anno fa e non desiderano altro se non vivere assieme e mettere radici qui in Italia.


Marocco – Avviata la distribuzione dei kit didattici

E’ iniziata la distribuzione in Marocco, dei kit didattici a chi partecipa al Progetto FORM@ e segue le lezioni di italiano ed educazione civico culturale.


Avvisi

AVVISO SERVIZIO DI VALUTAZIONE INDIPENDENTE

AVVISO A MANIFESTARE INTERESSE PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VALUTAZIONE INDIPENDENTE DEL PROGETTO “FORM@” PROG-1563. – FINANZIATO DAL PROGRAMMA NAZIONALE FONDO ASILO MIGRAZIONE E INTEGRAZIONE (FAMI) 2014-2020 – OBIETTIVO SPECIFICO 2 INTEGRAZIONE/MIGRAZIONE LEGALE – OBIETTIVO NAZIONALE 1 MIGRAZIONE LEGALE – SOSTEGNO AI MIGRANTI CANDIDATI ALL’INGRESSO IN ITALIA PER RICONGIUNGIMENTO ATTRAVERSO SERVIZI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE CIVICO-LINGUISTICA. CUP _J39D17000720005 – CIG ZCA216373E

AVVISO SERVIZIO DI CAPACITY BUILDING

AVVISO A MANIFESTARE INTERESSE PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CAPACITY BUILDING DELLE ESPERIENZE ESTERE DI ASSISTENZA, ORIENTAMENTO E FORMAZIONE PRE-PARTENZA NELL’AMBITO DEL PROGETTO “FORM@” PROG-1563. – FINANZIATO DAL PROGRAMMA NAZIONALE FONDO ASILO MIGRAZIONE E INTEGRAZIONE (FAMI) 2014-2020 – OBIETTIVO SPECIFICO: 2. INTEGRAZIONE/MIGRAZIONE LEGALE – OBIETTIVO NAZIONALE: ON 1: MIGRAZIONE LEGALE – SOSTEGNO AI MIGRANTI CANDIDATI ALL’INGRESSO IN ITALIA PER RICONGIUNGIMENTO ATTRAVERSO SERVIZI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE CIVICO-LINGUISTICA. CUP _J39D17000720005 – CIG ZD92163662

AVVISO PUBBLICO

FONDO ASILO, MIGRAZIONE E INTEGRAZIONE (FAMI) 2014-2020

FAMI AVVISO 2

Comunicazione Graduatoria finale PROT. N. 2042 8.6.17

Vacancy

Avviso pubblico conferimento per n. 1 ESPERTO SENIOR DI METODOLOGIE, SETTINGS E DISPOSITIVI FORMATIVI (scadenza 27 dicembre 2017 ore 12.00)

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO MEDIANTE PROCEDURA SELETTIVA COMPARATIVA DI INCARICO PER n. 1 Esperto senior di metodologie, settings e dispositivi formativi (scadenza 27 dicembre 2017 ore 12.00)

Avviso pubblico conferimento per n. 1 ESPERTO SENIOR DI SOSTEGNO ALLA COMPLEMENTARIETÀ, SOSTENIBILITÀ E CAPITALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ E RISULTATI (scadenza scadenza 27 dicembre 2017 ore 12.00)

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO MEDIANTE PROCEDURA SELETTIVA COMPARATIVA DI INCARICO PER n. 1 Esperto senior di SOSTEGNO ALLA COMPLEMENTARIETà, SOSTENIBILITà E CAPITALIZZAZIONE DELLE ATTIVITà E RISULTATI PROGETTUALI (scadenza scadenza 27 dicembre 2017 ore 12.00)

Rettifica

Esito Colloqui per Revisore Contabile

Roma, 17/10/2017

Si rende pubblico sul sito di Progetto l’esito della selezione tramite colloquio individuale per l’affidamento dell’incarico di Revisore Contabile nell’ambito del PROGETTO “FORM@ PROG-1563.

Pubblicazione Graduatorie Avvisi Pubblici con scadenza 4 e 6 Ottobre 2017

Si rendono pubbliche sul sito di Progetto, con valore di notifica agli interessati, le graduatorie per gli affidamenti di cui agli avvisi del PROGETTO “FORM@” PROG-1563.

21 settembre 2017

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO MEDIANTE PROCEDURA SELETTIVA COMPARATIVA DI INCARICO DI UN CONSULENTE DI PROGETTO PER ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE (scadenza 6 ottobre 2017 ore 12.00)

21 settembre 2017

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO MEDIANTE PROCEDURA SELETTIVA COMPARATIVA DI INCARICO DI UN CONSULENTE DI PROGETTO PER ATTIVITÀ DI DIDATTICA E COMUNICAZIONE (scadenza 6 ottobre 2017 ore 12.00)

21 settembre 2017

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO MEDIANTE PROCEDURA SELETTIVA COMPARATIVA DI INCARICO PER ATTIVITÀ DI SEGRETERIA TECNICA (scadenza 6 ottobre 2017 ore 12.00)

20 settembre 2017

Integrazione degli avvisi pubblici del 13.9.2017 “Avviso pubblico per il conferimento mediante procedura selettiva comparativa di incarico di 1 revisore contabile” e “Avviso pubblico per il conferimento mediante procedura selettiva comparativa di incarico per 1 esperto legale” e proroga della scadenza del termine di presentazione delle relative domande di ammissione.

13 settembre 2017

Vacancy: AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO MEDIANTE PROCEDURA SELETTIVA COMPARATIVA DI INCARICO DI 1 REVISORE CONTABILE (scadenza 04 ottobre 2017 ore 12.00)





Partner







Progetto FORM@ (PROG-1563)
Via Giovanni Paisiello, 43
00198 ROMA
Tel. +39 06 85563657
Email: info@progettoforma.eu